Sanità, 130 dipendenti con contratto di somministrazione rischiano il lavoro
130 dipendenti dell'Azienda sanitaria di Trento con contratti di somministrazione rischiano di restare senza lavoro. Per alcuni il contratto scadrà già a fine mese, per altri, invece, il termine è fissato a dicembre. Lo scrivono in una nota i sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil del Trentino. Sono tutti assunti con Orienta, l’agenzia per il lavoro che ha fornito fino ad oggi professionisti sanitari, amministrativi, magazzinieri all'Azienda sanitaria nel corso di un’emergenza sanitaria che li ha visti in molti casi operare in prima linea. Hanno garantito la continuità di alcuni servizi strategici, come ad esempio quelli della farmacia e dell’accoglienza dei pazienti. Ma i bandi finora indetti per le assunzioni dirette in Azienda non tengono conto dei periodi di lavoro prestati alle dipendenze delle agenzie di somministrazione. Al momento – dicono ancora i sindacati – Provincia di Trento e Azienda sanitaria hanno evitato ogni contatto e confronto. E' stata quindi indetta una mobilitazione: venerdì alle 10, davanti alla sede dell’Apss, è in programma un presidio di protesta.
Basket, Aquila sfida Slask
Basket. Aquila in campo questa sera, 17 novembre, alle 20 alla Blm Group Arena di Trento. I bianconeri affronteranno i polacchi dello Slask Breslavia. Nel quinto turno di regular season in 7DAYS EuroCup la Dolomiti Energia sfida l'altra squadra ancora senza vittorie nel gruppo A. "Lo Slask - commenta l'assistant coach Davide Dusmet - è una squadra che gioca una pallacanestro disciplinata, che in difesa ha le idee chiare e che in attacco segue gerarchie ben delineate. In trasferta hanno saputo mettere in campo buonissime prestazioni, ecco perché per noi sarà fondamentale essere attenti al nostro impatto e al modo in cui approcceremo la gara". Quella di oggi è la prima sfida di sempre tra la Dolomiti Energia e lo Slask.
Droga, arrestata donna di 64 anni
E' stata arrestata dai carabinieri di Rovereto con l'accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio una donna di 64 anni. Nel suo garage i militari, insospettiti da un continuo viavai di persone, hanno trovato 193 grammi di hashish e 5 dosi di cocaina e materiale per il confezionamento della droga. L'operazione è stata condotta con l'ausilio del reparto cinofili della Guardia  di Finanza di Trento. La donna è agli arresti domiciliari.
Vaccinazione di richiamo, dal 18 novembre al via in Alto Adige per tutti
Da domani, 18 novembre, in Alto Adige la vaccinazione di richiamo è aperta a tutte le fasce d’età. Tutti coloro che hanno concluso il proprio ciclo vaccinale più di sei mesi fa, può ora accedere alla dose booster. Prenotazioni a partire da mezzogiorno di domani.
Danza, Aterballetto in scena a Rovereto e a Bolzano
Nuovo appuntamento con la Stagione inDanza.21 del Centro Servizi Culturali S. Chiara. La rassegna giovedì 18 novembre approda a Rovereto all'auditorium Fausto Melotti alle 21 con "Storie", una creazione proposta dalla compagnia Aterballetto. Protagonisti della serata saranno due coreografi: Diego Tortelli e Philippe Kratz. Affronteranno il tema del distanziamento tra abbracci mancati e desiderio di recupero di empatia. Aterballetto sarà protagonista anche degli appuntamenti con la danza al Teatro Comunale di Bolzano. Sabato 20 novembre è in programma "Don Juan" di Johan Inger. Mito letterario mai tramontato, Don Giovanni rivive in danza. La Stagione di inDanza.21 torna domenica 28 novembre al Teatro Sociale di Trento con Right, rilettura ‘senza veli’ della "Sagra della primavera" di Stravinsky per nove danzatrici della COB Compagnia Opus Ballet, per poi proseguire nel mese di dicembre con due appuntamenti che vedranno l’accompagnamento musicale dal vivo: si comincia l’8 e il 9 dicembre al Teatro Comunale di Bolzano con "Lo Schiaccianoci", che il Balletto del Teatro Nazionale di Praga porta in scena nella versione coreografica di Youri Vàmos con l’Orchestra Haydn. Concluderà l’anno la Daniele Cipriani Entertainment, che domenica 12 dicembre approda al Teatro Sociale di Trento con la Soirée Russe: una serata di danza e musica dal vivo sulle celebri note di Stravinsky e Debussy.
Zone gialle, Coldiretti: "Rischio stop cenoni anche a Bolzano"
Con il passaggio a zona gialla sono a rischio i tradizionali cenoni di Natale e di Capodanno anche in Alto Adige. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sugli effetti dell’eventuale cambio di colore a seguito dell'aumento dei contagi da coronavirus. "Il passaggio a zona gialla – sottolinea la Coldiretti – oltre a rendere obbligatorio di nuovo l’uso di mascherine all’aperto ad eccezione dei bambini sotto i sei anni e di chi fa sport, prevede un massimo di 4 persone per tavolo al chiuso in bar e ristoranti anche per le feste e i ricevimenti. Un misura che pesa anche sugli incassi della ristorazione. L’impatto negativo della reintroduzione della zona gialla si trasferisce a cascata sull’intera filiera"
Cooperative agricole altoatesine, latterie ancora in difficoltà
E' un clima di fiducia eterogeneo quello che il Barometro dell'economia dell'Ire della Camera di Commercio di Bolzano registra tra le cooperative agricole altoatesine. Le latterie sociali lamentano un’impennata dei costi e una domanda ancora debole. Maggiore ottimismo si riscontra tra le cantine, che possono contare su una buona vendemmia per l’anno 2021 e tra le cooperative frutticole, sulle cui previsioni pesa però il calo dei prezzi delle mele atteso sul mercato internazionale. Per il presidente della Camera di commercio, Michl Ebner, “occorre sfruttare la sinergia tra agricoltura e settore turistico: la ripresa di quest’ultimo contribuisce anche a rafforzare la domanda nel settore vitivinicolo e in quello lattiero-caseario.”
Kompatscher incontra i ministri a Roma, sul tavolo il Pnrr
Serie di incontri a Roma oggi per il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher. AL centro il tema del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il governatore incontrerà prima il Ministro per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibile, Enrico Giovannini e poi Mariastella Gelmini, ministra degli Affari regionali. I temi della digitalizzazione e dell'espansione della banda larga verranno invece trattati con il ministro per l'Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Vittorio Colao.
Coronavirus, Kompatscher e Widmann: "Siamo quasi a livello della Germania"
Peggiora la situazione covid in Alto Adige, con un aumento esponenziale dei nuovi contagi. A fare il punto della situazione in conferenza stampa il governatore Arno Kompatscher e l'assessore ala salute Thomas Widmann. Mentre nella seconda settimana di ottobre si registravano, in media, 23 nuove infezioni al giorno, nella seconda settimana di novembre il numero è salito a 302. L'incidenza su 7 giorni è passata da 44 a 390 nello stesso periodo ed è quindi aumentata di quasi dieci volte. “Siamo quasi al livello della Germania e registriamo i valori più elevati a livello nazionale. È inoltre triplicato il numero dei pazienti Covid nei normali reparti degli ospedali. L'ondata sta aumentando ma può ancora essere fermata - ha detto Widmann. - È fondamentale fare il vaccino, non ritardare la terza dose ed evitare ogni rischio di infezione attenendosi rigorosamente alle regole di distanziamento, igiene e l’utilizzo della mascherina. Attenersi a queste regole ed estendere la vaccinazione sono le uniche possibilità per fermare il passaggio alla zona gialla ed arancione", ha detto Widmann, il quale ha ricordato che la zona arancione avrebbe gravi ripercussioni sociali ed economiche per tutte le categorie. La Giunta provinciale punta a limitare le restrizioni a chi non è vaccinato, "ma ogni decisione dipende da Roma", ha concluso Widmann. Da domani l’Azienda sanitaria metterà a disposizione di tutti coloro che sono stati vaccinati da almeno sei mesi la dose booster.
Coronavirus, in Trentino 105 contagi e 30 ricoveri
Non ci sono state vittime da covid-19 in Trentino nelle ultime ore, ma si registra un balzo in avanti dei contagi: sono 105 i nuovi casi su circa 12mila tamponi. Peggiora la situazione dei ricoveri in ospedale: i pazienti in 24 ore sono passati da 22 a 30. In rianimazione al momento ci sono 4 persone. Stabili le classi in quarantena che al momento rimangono 5. Le vaccinazioni hanno raggionto le 812.341 somministrazioni, comprese 371.746 seconde dosi e 24.056 richiami.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.